Filippo Dal Fiore

on37qi - fhwkht - od9tla - 9hb937 - 01updz - vhnwvs - sut8dn - x8eo8k

Blog

Nuove istituzioni per un nuovo mondo

October 10, 2019
download

Di questi tempi sembra che non si parli altro che di crisi climatica. Per fortuna, dopo tanto tempo, questo tema è arrivato in cima all’agenda mediatica globale, e in molti paesi sta diventando una priorità. Il tema è talmente ampio e omnipervasivo da offrire al mondo l’occasione perfetta per rivisitare gli assunti che governano lo sviluppo e la convivenza umana su questa terra.

Il primo e indispensabile passo da compiere è a mio avviso quello di comprendere il perchè la questione ambientale, dopo decenni di consapevolezze e denunce, non sia stata ancora pienamente affrontata e continui a non esserlo. Che cosa non ha funzionato e perché? Che cosa è mancato?

Cercare una risposta equivale al mettere in discussione non solo la filosofia predominante del mondo liberale moderno, ma anche e soprattutto le principali macro-istituzioni in cui essa trova applicazione, ovvero: (1) stato sovrano, (2) democrazia, (3) libero mercato, (4) libera stampa. Per quanto benefici questi istituti siano stati – e da molti punti di vista tuttora siano – il doloroso stato attuale del mondo naturale ci mette forzosamente difronte all’eventualità di doverli perlomeno perfezionare, se non correggere vigorosamente o sostituire con qualcosa di completamente nuovo. E’ infatti dentro la cornice di queste istituzioni che si è creato uno spazio d’azione umana i cui risultati sono dannosi per l’ambiente e quindi anche per gli esseri umani.

Ogni istituzione si regge su un’idea fondante, che a sua volta poggia su assiomi per lo più impliciti. Un’analisi attenta di questi ultimi rivela un loro risvolto complicato:

(1) l’idea-istituzione dello stato sovrano postula che gli interessi degli abitanti di un certo territorio non necessariamente coincidano con quelli del resto del mondo, ma possano piuttosto entrarne in conflitto.
Rifletto: se si istituzionalizza l’idea che gli interessi possano non coincidere, perché mai gli stati nazionali dovrebbero perseguire quelli del mondo intero piuttosto che quelli percepiti come solo propri?

(2) l’idea-istituzione della democrazia postula che i processi decisionali che coinvolgono tutte le parti in causa producano output superiori rispetto ai processi decisionali delegati a un gruppo ristretto.
Rifletto: siamo veramente sicuri che processi massimamente partecipati producano decisioni sempre migliori rispetto a processi a partecipazione più selezionata? Allo stato di maturità politica attuale e in assenza di finalità comune, i processi decisionali collettivi comportano in molti casi tempi molto lunghi, conflitti di interesse, conflitti di opinione non adeguatamente informata, negoziazioni al ribasso.

- l’idea-istituzione del libero mercato postula che gli scambi economici debbano essere quanto più possibile lasciati liberi di accadere, indipendentemente dalla forma o dai modi in cui essi si manifestano.
Rifletto: anche considerato il modus operandi competitivo all’interno dei mercati, perché mai questa libertà totale non dovrebbe tradursi in libertà di anteporre i propri interessi percepiti a quelli effettivi del mondo intero?

- l’idea-istituzione della libera stampa postula che la completa libertà di parola e comunicazione sia intrinsecamente migliore al contenimento di parola e comunicazione.
Rifletto: se è vero che quello che si dice e si mostra pubblicamente ha effetti sulla psiche delle persone e di conseguenza sulla realtà dei fatti del mondo, non dovremmo cercare di contenere le comunicazioni distruttive/negative e al contempo favorire quelle costruttive/positive?

Tutto però ha la sua ragione d’essere e, facendo un passo indietro, occorre a mio avviso comprendere quando e perché le istituzioni in questione abbiano preso forma e vita. A valle delle due guerre mondiali, per esempio, la priorità era quella di superare i fascismi e le contenenere spinte sociali distruttive. La cornice offerta dalle istituzioni moderne/modernizzate ha consentito di incanalare le energie umane in una direzione più costruttiva, cambiando la natura di quelle identità collettive e arene competitive che tutt’ora consentono agli esseri umani e alle loro società di applicarsi agli affari del mondo. La rabbia viene diretta verso altri fini che non siano la guerra; i personalismi, i risentimenti e le paure vengono contenuti in un modo nuovo dentro le nuove istituzioni.

Quando però i percepiti interessi individuali non coincidono con i reali interessi collettivi – quando cioè, mettendo in gioco rabbia e paura, si percepisce una situazione win-lose, piuttosto che win-win - i danni collaterali prima o poi si manifestano. Per quanto bene si possa attuare una configurazione di stati nazione, retti da democrazie e garanti di libero mercato e libera stampa (penso in questo momento ai paesi scandinavi), tale sistema produrrà comunque delle conseguenza non volute impattanti il mondo intero. Per definizione, infatti, il macro ecosistema natural-sociale all’interno del quale operiamo (qualcuno lo chiamerebbe “Gaia”) non è altro che un solo corpo, che non prevede se non in presenza di malattia che:

- gli interessi di un proprio organo possano entrare in conflitto con quelli degli altri.
Mi chiedo: l’idea di stato-nazione è assente in natura?
- i processi decisionali ultimi possano essere presi attraverso ripetute consultazioni tra tutti gli organi, invece che da un organo ad essi dedicato.
Mi chiedo: l’idea di democrazia è assente in natura?
- gli scambi tra i differenti organi siano lasciati liberi di accadere in qualsiasi forma e modo.
Mi chiedo: l’idea di libero mercato è assente in natura?
- la comunicazione tra gli organi possa essere di qualsiasi tipo
Mi chiedo: l’idea di libera comunicazione è assente in natura?

Occorre quindi forse prendere a riferimento un nuovo modello – e io propongo che sia quello naturale – per comprendere come le macro-istituzioni dell’era moderna possano essere perfezionate o reimmaginate. Per quanto possiamo essere giustamente innamorati del senso di identità, partecipazione e libertà che ci consegna il nostro sistema di stati + democrazie + liberi mercati + libere comunicazioni, è forse poco realistico pensare che esso rappresenti la soluzione ottimale per risolvere l’attuale crisi climatica, ovvero climatico-umana-sociale-economica, globale.
Il mondo è uno solo, e al momento necessita di una risposta rapida e compatta: é forse arrivato il momento opportuno per immaginare nuove idee-istituzioni globali rette su un rinnovato senso di fiducia e di delega. Una testa-cuore del mondo che possa tirare fuori il meglio degli esseri umani.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>